Ora di religione, Uaar e Cobas Scuola ai presidi: “Il COVID non soffochi la libertà di coscienza”

I coordinamenti regionali dell’Uaar e dei Cobas Scuola hanno appena scritto ai dirigenti scolastici degli istituti di ogni ordine e grado sul territorio siciliano per sollecitare formalmente l’avvio delle attività didattiche alternative all’insegnamento della religione cattolica. La prassi di organizzare tali attività e proporle alla scelta delle famiglie solo ad anno scolastico iniziato è stata censurata proprio in questi giorni da un’importante sentenza del Tar Lazio che condanna il MIUR, dopo 7 anni di battaglie legali dell’Uaar, a riformare le procedure in modo che l’ora alternativa sia assicurata fin dal primo giorno di scuola, e comunque contemporaneamente a quella di religione. A questa disorganizzazione strutturale, a cui si spera questa condanna ponga fine, quest’anno si aggiunge il p retesto della mancanza di aule e di docenti dovuta all’emergenza COVID. Come già scritto dall’Uaar ai ministri competenti, tali difficoltà, seppur comprensibili, non possono autorizzare la negazione del diritto, costituzionalmente garantito e ribadito in una vasta giurisprudenza, a non subire l’insegnamento confessionale della religione cattolica. In particolare ne costituisce una grave violazione costringere l’allievo che ha chiesto di non avvalersene a sostare passivamente nella classe in cui viene impartito detto insegnamento (che ricordiamo essere opzionale), con l’intimazione a “non disturbare la lezione”: un espediente gravemente discriminatorio denunciato da diverse famiglie allo sportello soslaicita@uaar.it, che raccoglie segnalazioni e richieste di assistenza gratuita .

Uaar e Cobas Scuola continueranno a vigilare affinché la libertà di coscienza, specie quella dei giovanissimi, non venga conculcata proprio in quella Scuola Pubblica Statale che dovrebbe difenderla e coltivarla.

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: