Sutera, le guardie ambientali WWF scoprono una discarica abusiva di rifiuti speciali

L’area adibita all’abbandono illegale di rifiuti si estende per 75me ricade in una zona a vincolo idrogeologico. Le Guardie WWF hanno accertato la presenza di rifiuti inerti, sfabbricidi, materiali di risulta, plastiche e rifiuti urbani non differenziati, alcuni dati alle fiamme da ignoti ecocriminali.

Prosegue l’attività di controllo del territorio delle Guardie giurate WWF del Nucleo provinciale di Caltanissetta sul rispetto delle norme ambientali in materia di smaltimento illecito dei rifiuti e inquinamento del suolo. L’ultimo intervento è avvenuto nei giorni scorsi nelle aree agricole del Comune di Sutera (CL); lGuardie hanno effettuato un sopralluogo ispettivo ai margini di una strada carrozzabile in contrada “Cozzo Rosso”, dove hanno notato la presenza di rifiuti speciali abbandonati in maniera incontrollata sul suolo. Più precisamente, il sito interessato dallo sversamento di rifiuti occupa approssimativamente una superficie di 75,00 m2 costituendo, di fatto, una discarica abusiva realizzata da ignoti ecocriminali.

I rifiuti abbandonati sono costituiti da inerti e sfabbricidi, nonché materiali di risulta, plastiche e rifiuti urbani non differenziati e materiali di altra tipologia, alcuni combusti a seguito d’incendio dell’area. Dalla consultazione del geoportale del Sistema Informativo Forestale della Regione siciliana, le Guardie WWF hanno accertato che tale area risulta interamente sottoposta a vincolo idrogeologico ai sensi della vigente normativa nazionale.

Al termine degli accertamenti di rito eseguiti sul posto, le Guardie WWF hanno provveduto a segnalare questa grave situazione al Distaccamento del Corpo forestale di Sutera, per le attività di polizia giudiziaria in ordine alla fattispecie di reato di smaltimento illecito di rifiuti pericolosi e non pericolosi, nonché al Sindaco di Sutera per emettere l’ordinanza di rimozione e smaltimento dei rifiuti e di ripristino dello stato dei luoghi, ai sensi del vigente Testo Unico ambientale, poiché l’intera area versa in condizioni di precarietà ambientale e rappresenta un rischio di inquinamento e contaminazione per il suolo, sottosuolo, aria, acqua nonché di danni per la flora e la fauna. Il WWF sottolinea, infatti, il forte rischio che in caso di eventi alluvionali o di piogge abbondanti, i rifiuti vengano trasportati nei sottostanti torrenti, con ulteriore e maggiore dispersione degli inquinanti nelle matrici ambientali.

Nelle nostre zone è preoccupante come sia diffuso l’abbandono di rifiuti a bordo delle strade, nelle scarpate delle vie di comunicazione, negli impluvi, e in qualsiasi spazio marginale – dichiara il coordinatore provinciale delle Guardie giurate del WWF di Caltanissetta, Ennio Bonfanti – tanto che le nostre aree periferiche e di campagna sono costellate da migliaia di micro-discariche. E’ francamente impossibile che nessuno – agricoltori, proprietari dei fondi confinanti, automobilisti di passaggio ecc. – si accorga mai di qualcuno che abbandona tali rifiuti! Chiediamo ai cittadini più sensibili di abbandonare l’omertoso e complice silenzio quando assistono a tali azioni e di denunciare prontamente agli organi di polizia questi gravi illeciti ambientali. Il Nucleo provinciale di Caltanissetta delle Guardie ambientali WWF offrirà la propria fattiva collaborazione e rimane a disposizione della cittadinanza per eventuali segnalazioni di ogni attività illecita ai danni degli animali e dell’ambiente (bracconaggio e uso di trappole e reti; casi di detenzione/allevamento di specie protette; sbancamenti e abusi edilizi; scarichi inquinanti nei corsi d’acqua; tagli abusivi di alberi ecc.), garantendo la massima riservatezza nella trattazione delle informazioni ricevute”.

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: