Stasera al Parco Archeologico Palmintelli di Caltanissetta Alessandro Gandolfo con “Quelli della via Gluck”

CALTANISSETTA – Terz’ultimo appuntamento stasera al Parco Archeologico Palmintelli di Caltanissetta del Cartellone denominato “Eventi sotto le stelle 2020”. Cartellone nato per la volontà del direttore del Parco Arch. Luigi Gattuso che ha nominato come direttore artistico Giuseppe Speciale. Tutti gli eventi sono stati patrocinati dal Comune di Caltanissetta. Per l’occasione stasera ritorniamo alla buona musica. Alla musica dal vivo con Alessandro Gandolfo e la sua band denominata “Quelli della via Gluck” che faranno un tributo al grande Adriano Celentano.

La band “QUELLI DELLA VIA GLUCK” è composta da 5 musicisti professionisti dello scenario regionale siciliano, 3 coriste affiatate ed energiche ed un front-man di eccezione in  scena per uno spettacolo dedicato ad uno tra i più longevi e proficui artisti che dagli anni 60 ad oggi seguiamo con grande piacere,  ADRIANO CELENTANO.

Un percorso musicale lungo 60 anni interpretato magistralmente da ALESSANDRO GANDOLFO, noto imitatore cabarettista nazionale che veste i panni dell’ADRIANO in maniera magistrale sia vocalmente che esteticamente visto la straordinaria somiglianza con l’Artista.

Scenografie curate nei minimi dettagli, abbigliamento particolare e ricercato catapultano il pubblico visivamente in un’atmosfera anni ‘60/’70.

La scelta del repertorio ripercorre un periodo storico lungo 60 anni partendo da 24.000 BACI arrivando ad AMAMI AMAMI in cui collabora con la grande Mina lasciando spazio ad alcuni momenti a “sorpresa”.

Le sonorità e gli arrangiamenti dei brani sono in alcuni casi mantenuti come gli originali, in altri riarrangiati in maniera del tutto nuova frutto dell’estro dei musicisti.

Una spettacolo adatto ad un pubblico eterogeneo che alterna momenti di buona musica ad altri di satira e comicità.

Info per prenotazioni:0934570449 – 3409790959.

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: