Sanità, blitz del sindaco di Niscemi con il gonfalone all’Asp

Foto Sit-in sindaco La Rosa all'Asp 2 di CLCALTANISSETTA – Il Sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, che da giorni protesta per le gravissime carenze di personale all’ospedale Basarocco questa mattina, con il gonfalone della città  è nella sede dell’Asp di Caltanissetta. Attende l’arrivo del nuovo direttore generale, il quarto in un anno, nominato dal governo Crocetta.

Nel “Blitz” a sorpresa era presente anche il vicepresidente del Consiglio comunale Luigi Gualato. In giornata è atteso  l’insediamento del nuovo Manager Carmelo Iacono che subentra nell’incarico a Ida Grossi.

Un doppio Sit-in attuato contemporaneamente sia all’ospedale “Suor Cecilia Basarocco” di Niscemi che all’Asp 2 di Caltanissetta.

“Nonostante il presidio ad oltranza attuato da 15 giorni all’Ospedale “Suor Cecilia Basarocco” di Niscemi” afferma il sindaco Francesco La Rosa, “per la grave carenza di personale medico, infermieristico, ausiliario, di autisti d’ambulanza, affiancato da assessori, dal presidente del Consiglio Luigi Licata, da consiglieri comunali, dalla Cisl e Cgil sanità, dal Nursind (sindacato delle professioni infermieristiche) , dalle associazioni di volontariato e da tanti liberi cittadini, continua ad accadere che i medici di guardia al pronto soccorso vengono trasferiti ad altre destinazioni.

Ciò determina una drastica riduzione del personale medico al pronto soccorso del nosocomio niscemese ed al tempo stesso anche in corsia.

ciccio larosa 1Per tale ragione oggi, desidero essere il primo collaboratore del nuovo Manager e sono in attesa di essere ricevuto dai vertici dell’Asp 2 di Caltanissetta fino quando non avrò avuto rassicurazioni che verrà risolta la spinosa questione della problematica sanitaria della mia comunità, dove per altro continua ad esserci carenza di personale medico ed infermieristico anche nelle Unità operative di radiologia ed anestesia.

Si fa fatica”, conclude il sindaco Francesco La Rosa,” a rendere il pronto soccorso dell’Ospedale di Niscemi autonomo con l’assegnazione di personale medico diverso da quello in servizio nelle Unità operative di Chirurgia e Medicina e ciò non è più tollerabile”.

Il vicepresidente del Consiglio comunale Luigi Gualato aggiunge: “è assurdo che si possa essere ridotti ad elemosinare il diritto alla salute ed all’assistenza sanitaria ospedaliera, in un Comune di 28 mila abitanti come Niscemi, distante 50 minuti dagli altri presidi ospedalieri e dove, per tale ragione, è fondamentale avere un pronto soccorso autonomo”.

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: