Petitto chiede accesso agli atti all’Asp per conoscere come sono state utilizzate le nuove unità sanitarie

Nella mattinata odierna ho inoltrato all’ASP di Caltanissetta, a mio nome e nella qualità di Consigliere Comunale, una richiesta di accesso agli atti funzionale a prendere visione di tutti i contratti di lavoro a tempo determinato, effettuati a norma dell’art.1 comma 1 lett. A) DL n. 14 del 09/03/2020, stipulati dall’ASP di Caltanissetta a decorrere dal 11.03.2020 e conseguenti provvedimenti di assegnazione nelle direzioni/reparti/unità del predetto personale assunto.

L’ASP di Caltanissetta, infatti, avvalendosi del DL n. 14 del 09/03/2020 ha reclutato oltre 300 tra medici, infermieri, OSA e OSS per far fronte alle esigenze straordinarie ed urgenti derivanti dalla diffusione della pandemia da COVID-19 e garantire i livelli essenziali di assistenza.

Giovani medici, infermieri e operatori  sanitari pronti a scendere un prima linea con l’entusiasmo e la preparazione di cui la nostra provincia può avvalersi per fronteggiare uno dei periodi più bui della sanità nissena. 

Tuttavia, gli innumerevoli disservizi che i cittadini nisseni hanno riscontrato negli ultimi giorni, tra i quali gli inaccettabili ritardi nell’attività di tracciamento dei potenziali contagi da covid-19, ritardi nella rilevazione e lavorazione dei tamponi, elaborazione di provvedimenti di inizio e fine isolamento domiciliare, impossibilità per i soggetti in isolamento domiciliare a poter interloquire con personale medico-sanitario dedicato all’emergenza alle utenze telefoniche indicate sul sito dell’ASP, lasciano il dubbio che questo numero rilevante e necessario di personale sanitario sia stato, purtroppo, male dislocato e che la direzione sanitaria abbia impiegato il predetto personale sanitario anche a supporto di reparti e direzioni non strettamente correlate all’emergenza Covid-19.

La carenza di personale sanitario in troppi reparti dell’ospedale Sant’Elia (tra i tanti ricordiamo i reparti di ematologia e di oncologia), ormai da anni, è una triste realtà nissena che va tuttavia risolta esclusivamente attraverso il ricorso alle procedure concorsuali e non anche attraverso l’utilizzo di personale sanitario assunto, a tempo determinato, e per altre finalità.

Le gravi disfunzioni registrate in un periodo in cui cresce giorno dopo giorno l’esigenza per la città intera di sentirsi tutelata e protetta dagli organi e dalle istituzioni sanitarie preposte, hanno anche imposto di chiedere chi ricopra il ruolo di responsabile del dipartimento di prevenzione- dipartimento di importanza fondamentale nell’attuale periodo emergenziale- e, se non ancora nominato, a quale direzione facciano capo le competenze e le relative responsabilità.

Le superiori richieste sono finalizzate a restituire ai cittadini nisseni la trasparenza che deve sovrintendere alla gestione ed amministrazione del Servizio Sanitario Pubblico le cui risorse economiche derivano dalle tasse di ogni singolo contribuente.

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: