Italia Nostra sulla Scala dei Turchi

La Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle (Agrigento) ha apposto i sigilli agli accessi alla Scala dei Turchi, il brano di litorale agrigentino caratterizzato da una spettacolare parete inclinata di marna bianca affacciata sul Mediterraneo. Un luogo che attrae ogni anno migliaia di visitatori da ogni parte del mondo. Un sito candidato a Patrimonio Unesco.

A disporre il sequestro della Scala dei Turchi è stato il procuratore della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio, che ha anche iscritto nel registro degli indagati Ferdinando Sciabarrà, che sarebbe proprietario di una parte dell’area. L’ipotesi di reato che viene contestato dalla magistratura è di occupazione di demanio pubblico. L’indagato, da parte sua, senza avere mai effettuato alcuna opera a protezione del sito, sia dal punto di vista della tutela paesaggistica sia della messa in sicurezza dei luoghi, ha avanzato pretese di carattere economico sullo sfruttamento del bene culturale e ambientale. Inoltre, ha preteso di effettuare opere di recinzione del sito, innescando un contenzioso con il Comune di Realmonte, che ha contestato all’indagato la proprietà del bene. Le accurate indagini svolte dalla Capitaneria di Porto hanno permesso di accertare che «le ragioni del Comune di Realmonte non sono affatto infondate» – si legge nel provvedimento giudiziario.

Afferma il procuratore Patronaggio: «È un sequestro d’urgenza, necessitato dal fatto che si sta approssimando la stagione turistica e che vi è un concreto pericolo per i turisti e per i bagnanti. La Scala dei Turchi è un bene che ha una notevole valenza paesaggistica, storica, archeologica, geologica ma è un sito piuttosto fragile: abbiamo registrato atti di vandalismo, gente che porta via pezzi di marna, graffiti di dubbio gusto, buchi nella scogliera, carotaggi non autorizzati. È un sito fragile perché dalla parte sommitale cadono dei massi che mettono in pericolo le persone, ma danneggiano la stessa marna bianca. A fronte di un sito di immenso valore si deve purtroppo registrare una carente tutela dello sito stesso, verosimilmente attribuibile all’ambiguo status giuridico dello stesso.

 

Italia Nostra plaude all’azione della Procura diretta da Luigi Patronaggio, protagonista qui e in tutto il territorio agrigentino, anche nella lotta all’abusivismo edilizio. Italia Nostra pertanto auspica, congiuntamente all’azione giudiziaria, un’adegua tutela e valorizzazione della Scala dei Turchi, attraverso una gestione pubblica che garantisca una razionale e sicura fruizione dei luoghi da parte dei visitatori. Di certo su questo sito si sono concentrati, concretizzati spudorati interessi speculativi che ne hanno fortemente indebolito e danneggiato l’integrità. Adesso bisogna intervenire con un’analisi quanto più precisa delle cause del degrado e con un progetto che individui i necessari interventi di risanamento ambientale. Bisogna agire all’insegna di una razionale programmazione. Di certo è sconcertante il fatto che un luogo davvero speciale dell’Isola sia stato gestito in modo così superficiale e irresponsabile.

 

Leandro Janni – Presidente regionale di Italia Nostra Sicilia

 

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: