Imbrattano il prospetto del Palazzo di Giustizia di Enna, denunciati due giovani

ENNA – Gli Agenti della Polizia di Stato in servizio presso la Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Enna hanno deferito in stato di libertà il giovane S.S. e la minore M.B. che si sono resi responsabili dell’imbrattamento del prospetto del Palazzo di Giustizia di Enna.

La coppia di ragazzi è stata ripresa dalle telecamere della video sorveglianza esterna mentre, in ore serali, insieme ad altri coetanei, sostavano in ozio negli androni esterni del Tribunale. I due denunciati, in particolare, a mezzo di un pennarello tipo uniposca, hanno realizzato una serie di segni e scritte sul pavimento, sulle mura e sulla porta di emergenza del piano terra.

Estrapolate le immagini della video sorveglianza, le loro fattezze fisiche sono state segnalate dalla Sezione di P.G. aliquota Polizia di Stato agli equipaggi delle Forze di Polizia che pattugliano quotidianamente le vie della città, con esito positivo. Infatti, i Carabinieri della Radiomobile del Comando Provinciale, nel corso di un normale servizio, hanno proceduto al controllo di alcuni giovani per le vie del Centro storico ennese, verificando che due di loro rispondevano alla descrizione dei soggetti segnalati.

Prontamente informato, il personale della Sezione di P.G. della Polizia di Stato si è recato sul posto e, accertato che si trattava effettivamente delle stesse persone, dopo le formalità di rito, le ha deferite alle rispettive competenti Autorità Giudiziarie (magistratura ordinaria e minorile).

Inoltre, a carico della minore è stata contestata anche una sanzione pecuniaria amministrativa, in quanto alcune scritte da lei vergate risultavano gravemente blasfeme.

Saranno inoltre avviate le procedure per la pulizia delle parti imbrattate, con addebito dei relativi costi ai responsabili.

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: