Il vicecomandante degli agenti municipali di San Cataldo in prima linea contro il randagismo

Nel nostro Paese la tutela degli animali e la lotta al randagismo sono principi fondamentali sanciti dal 1991: “lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali d’affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l’ambiente”. Un principio giuridico che molte persone di buon cuore assurgono a una vera e propria battaglia personale: tra queste, oggi voglio parlare di Salvatore De Vita, vicecomandante degli agenti municipali di San Cataldo. Il vicecomandante combatte il randagismo da anni, sia dal punto di vista burocratico e amministrativo, sia dal punto di vista personale. A fine febbraio 2021, Salvatore ha personalmente recuperato 9 cuccioli, buttati dentro una scatola in mezzo alla strada, per poi prendersene cura, stallandoli, nutrendoli e vaccinandoli a spese sue. La storia poi si conclude a lieto fine con la partenza di questi cuccioli, avvenuta giorno 1 aprile, adottati tutti al nord Italia. Salvatore è un esempio encomiabile da imitare. Il suo impegno è giornaliero, non limitandosi al “compitino” del suo ruolo istituzionale. Ringraziando la dott.ssa Diraimondo, commissario straordinario del comune di San Cataldo, e il dr D’Ascola, esperto del comando della polizia municipale di San Cataldo, per il lavoro che stanno facendo al riguardo, mi auspico che la futura amministrazione di San Cataldo possa fare tesoro di risorse come Salvatore per poter vincere definitivamente questa battaglia.

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: