Coronavirus, la Sicilia inverte il trend: nell’ultima settimana calano contagi e vittime

La discesa è cominciata. Dopo un mese difficile la Sicilia può respirare: la curva dei contagi sta finalmente calando, ancora prima che gli effetti della zona rossa si manifestino in concreto. Il bollettino odierno (875 nuovi casi di Coronavirus, nuovamente sotto i mille dopo tre settimane) chiude una settimana in cui i dati sono finalmente confortanti e lasciano spazio a un po’ di ottimismo.

Negli ultimi sette giorni sull’isola sono stati registrati 9.023 casi di Covid-19. Tanti, è vero – solo la Lombardia ne ha fatti segnare di più – ma nei sette giorni precedenti i siciliani colpiti dal virus erano stati 12.674. A calare inoltre è anche l’incidenza dei contagi per 100 mila abitanti: si è passati da 255 a 182; diminuite anche le vittime (da 261 a 237) mentre è cresciuto, seppur di poco, il numero dei guariti (7.557 contro 7.494).

Un andamento che si riflette anche sugli ospedali: la Sicilia è sì tra le poche regioni che a fine settimana si ritrova con più ricoverati rispetto a quella precedente (+9) ma è un aumento molto contenuto rispetto a quanto avvenuto tra l’11 e il 17 gennaio quando il saldo fu di +159 ricoveri.

L’unico parametro in controtendenza riguarda i ricoveri in terapia intensiva, negli ultimi 7 giorni sono 19 i pazienti in più in rianimazione mentre nella settimana precedente il saldo ingressi/dimissioni era stato pari a 0. In ogni caso la direzione intrapresa è quella di una flessione della curva che con la misure restrittive in atto non potrà che accentuarsi.

La Sicilia sarà ancora in rosso per una settimana, poi sarà il momento di fare nuove valutazioni e decidere se si potrà già allentare la presa o proseguire con prudenza. La certezza è che proseguendo con numeri positivi anche nei prossimi giorni lo spauracchio di un lockdown totale identico a quello di un anno fa potrà essere finalmente allontanato. di  (gds.it)

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: