Commerciante sanzionato chiede precise indicazioni da parte degli organi predisposti a gestire questa situazione post Covid

CALTANISSETTA – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Abbiamo deciso io e e i miei soci di scrivere un comunicato stampa non per lamentare un verbale ricevuto giorni fà, con la relativa chiusura per 5 giorni della nostra attività , ma per rivolgerci a tutte le autorità competenti, che sono preposte a prendere le decisioni finali di tali provvedimenti. Noi dalla riapertura del 18 Maggio e dopo due mesi pieni di chiusura, senza nessun tipo di guadagno, abbiamo messo in pratica tutte le disposizioni del DPCM: abbiamo continuamente invitato la clientela a rispettare le distanze, ad indossare la mascherina (a chi non ne era in possesso ci siamo impegnati a fornirla noi), a
cercare di lavorare solo con la prenotazione ai tavoli, a non far entrare o stazionare i clienti all’interno del locale, e infine abbiamo limitato a servire chi non aveva
tavoli per accomodarsi. Per concludere abbiamo presentato e protocollato ad inizio Giugno c/o il Comando dei Carabinieri, la Questura e al Comando della Polizia Municipale, una lettera dove chiedevamo più controlli nella zona adiacente la nostra attività, per una maggiore vigilanza sugli assembramenti e cautelare sia la salute dei nostri clienti, ma anche di noi stessi soci dell’OZ e dei nostri collaboratori. Però la scorsa settimana, veniamo sanzionati perché, come scritto nel verbale, stazionavano circa 150 persone di fronte al nostro locale . Non contestiamo il verbale, ma con il presente comunicato vorremmo ricevere precise indicazioni da parte degli organi predisposti a gestire questa situazione post Covid, poichè nonostante ci atteniamo alle regole, e’ molto difficile servire il cliente, persona maggiorenne e responsabile di se’ stesso, ripetergli in continuazione di stare distanziati e con la mascherina. Una situazione difficile da gestire. Abbiamo subìto la sanzione, la stiamo pagando, ma, rimanendo cosi’ le cose, probabilmente tra qualche settimana, saremo nuovamente punto e a capo. Sarebbe opportuno stabilire, che la responsabilità del gestore di una attività, dovrebbe essere circoscritta in quello che è l’interno del locale, ma fuori di quelle mura, oltre a continuare a monitorare, la responsabilità deve essere della singola
persona. E’ paradossale poi, che ad un matrimonio, ad uno spettacolo e a qualsiasi altre situazione dove ci sono tante persone non si attuano le stesse regole che invece sono imposte ad una attività commerciale. A fronte di tutto ciò, chiediamo che i controlli nella zona del nostro locale, vengano effettuati ogni sera da una pattuglia dall’esercito, per poter lavorare con un pizzico di serenità. VELLA MARTINA NOEMI GIADA

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: