Caltanissetta, Natale in Rosa 3: affluenza di pubblico da tutto il mondo

Caltanissetta, una città spesso ingiustamente criticata da chi ci vive ma amata da molti Nisseni che l’hanno lasciata per trasferirsi nel resto dell’Italia e all’estero.
E questa passione, rispetto e sana curiosità di dare “uno sguardo” a ciò che succede nei palazzi e nelle vie di questa città, che si trova nel cuore della Sicilia, si nota soprattutto quando viene trasmesso un evento in streaming.
Lo si riscontra durante la Settimana Santa e le processioni del Santo Patrono ma anche in manifestazioni di altro tipo come, ad esempio, Natale in Rosa.
La terza edizione della Rassegna dedicata alla musica nei luoghi sacri continua a raccogliere spettatori che, grazie ai social, riescono a partecipare a questa emozionante Kermesse. La prima edizione, nel 2019, ha visto soprattutto i sedili delle chiese gremiti di persone. Il format, però, è vincente e funziona nonostante tutto. Le ultime due edizioni, complice la pandemia e il necessario distanziamento fisico, il pubblico presente davanti ai musicisti è stato sensibilmente ridotto. Gli amanti della buona musica, però, hanno preso un posto “in prima fila” assistendo ai concerti via streaming nelle pagine Facebook de “Il Fatto Nisseno” e “Natale in Rosa”.
Il primo appuntamento di questa terza edizione, con il talentuoso contributo dei Tr3 Qu4rti Ensamble alla Cattedrale Santa Maria La Nova di Caltanissetta, ha visto la partecipazione di quasi 20mila spettatori in Streaming. Utenti che, come si può leggere dai commenti lasciati sui social network durante la diretta, si sono collegati da tutte le parti del mondo, da Nord a Sud, da Est a Ovest. Belgio, Francia, Polonia e, addirittura, anche dal Venezuela.
“Siamo molto orgogliosi del successo che sta riscontrando anche questa terza edizione – hanno commentato gli organizzatori Tiziano Lamarca, Marco Tumminelli e Marco Maira -. È un segnale importante che ci fa capire che, se vengono organizzati eventi di qualità e che interessano un ampio target, le persone rispondono con apprezzamento e partecipano”.
E per promuovere e organizzare “eventi di qualità e con grande partecipazione di persone” non serve necessariamente ricorrere ai finanziamenti pubblici. Anche questa terza edizione di “Natale in Rosa”, infatti, è stata sostenuta con il contributo di imprenditori privati che hanno voluto regalare “bellezza” alla città.
Il mondo dello spettacolo, durante questi ultimi anni, è stato uno dei più sacrificati per le regole imposte dal contenimento della pandemia. Si tratta, però, di un settore che regala emozioni, gioia, speranza, spunti di riflessione. Sensazioni senza le quali non sarebbe possibile vivere. Riportare la musica in scena, cantare e suonare nei luoghi sacri e accompagnare il tutto con una scenografica illuminazione è parte di un progetto che spinge a tornare a credere che bisogna impegnarsi per costruire un futuro migliore per tutti noi. Il calendario degli appuntamenti, sviluppato nell’arco di un intero mese che abbraccia il tempo che dalla festa dell’Immacolata porta fino all’Epifania, si sviluppa tra le chiese del centro storico e quelle della periferia. Porterà in tutta la città un segnale di speranza e di gioia che si vedrà già dall’illuminazione architetturale proiettata nelle facciate dei luoghi sacri il giorno dell’esibizione. Il prossimo concerto si terrà domenica 19 dicembre alle ore 19.30 nella chiesa Santa Lucia e sui canali Facebook de “Il Fatto Nisseno” e “Natale in Rosa”. Protagonista di questo concerto sarà il gruppo dei “The Pop Singers Mast”.
Ingresso Libero.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.