ASP di Caltanissetta, assunzioni del personale: il punto della CGIL

In data 14/07/2021 abbiamo avuto un incontro presso l’Assessorato alla Salute Siciliana in merito al Fabbisogno triennio 2021-2023 e le Dotazioni Organiche Sanitarie Regionali.
Per l’ASP di Caltanissetta abbiamo colto favorevolmente l’ampliamento in termini di nuove assunzioni di personale: + 243 medici, +122 infermieri, + 230 Operatori socio sanitari+ 159 di altro personale, nel contempo abbiamo manifestato le nostre perplessità nel considerare l’organizzazione del lavoro di tutto il personale e la gestione delle risorse. Cardine delle richieste e punto nevralgico della politica sanitaria di questa organizzazione sindacale è la valorizzazione del personale sanitario e, in modo particolare, la valorizzazione dei giovani professionisti. Difatti, i nostri reparti sono pieni di giovani, sia essi dirigenti sanitari, sia essi appartenenti al personale del
comparto, che fremono per poter contribuire a una sanità eccellente nella nostra provincia. Non più una politica sanitaria che parte dalle risorse disponibili, bensì risorse economiche che vengano determinate dalla domanda del territorio e dai livelli assistenziali adeguati e su queste ragionare in termini di risorse economiche
Purtroppo ci troviamo di fronte ad una realtà che poco guarda alla valorizzazione del personale e pertanto sentiamo il dovere di rivendicare il sacrosanto diritto del lavoratore:
“il giusto riconoscimento di TUTTE le professionalità che oggi lavorano in questa azienda”

Non vogliamo farne una mera questione di principio, ma pretendere la corretta applicazione di gran parte degli istituti giuridici ed economici previsti dal “nuovo” CCNL 2019-2021, e pretendere un contratto integrativo aziendale lo riteniamo oltre che un diritto per ciascun lavoratore anche un dovere e una precisa responsabilità
da parte di chi è parte contraente e agisce a tutela dei lavoratori. Anche La puntualità dei pagamenti, gli adeguati istituti giuridici ed economici, sono da considerarsi aspetti cardine di una politica sanitaria che pone al centro l’attrattività dei propri centri. Per esempio il mancato adeguamento dell’indennità notturna ai medici del pronto soccorso, così come l’annunciata e non corrisposta incentivazione del 2019 sono elementi chiari di scarsa attenzione al personale.
Aspetti, questi, che vengono resi ancor più gravosi dai già carenti contesti socioeconomici e di servizi che la Provincia e la Città offrono.
Sui secondi, nulla a questa Azienda è imputabile, ma dicerto, sui primi tanto si può migliorare. Difatti, questi sono aspetti per i giovani professionisti, che appagati e non messi sotto torchio da una carente Dotazione Organica o da un carente gestione del personale, potrebbero essere determinanti nella scelta del luogo di lavoro.
A tal proposito, una nuova Dotazione Organica e una nuova organizzazione del lavoro rappresentano, oggi, un importante strumento da cui partite e su cui puntare, con procedure rapide di stabilizzazione e reclutamento del personale se non vogliamo assistere a concorsi che vanno deserti.
Con la stessa forza e con la stessa lealtà che questa O.S. ha sempre condotto la sua azione a tutela dei lavoratori, collaborando con l’Azienda in ogni tavolo di concertazione, crediamo che siamo giunti al punto in cui non sono più tollerabili ne ritardi ne passi indietro.
La Segretaria Gen. FP CGIL
Rosanna Moncada
Il Responsabile Dirigenza Area Medica FP CGIL
Giovanni Longo
Il Responsabile Area Comparto FP CGIL
Alessandro La Marca

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: