Ultima riunione dell’ufficio Europa. Sul piatto 56 milioni di euro di finanziamenti ottenuti e un parco progetti per riceverne di nuovi

Ultima riunione dell’Ufficio Europa del Comune di Caltanissetta prima della fine del mandato dell’amministrazione guidata dal sindaco, Giovanni Ruvolo. L’ufficio Europa è costituito trasversalmente da tutti i dirigenti e dalle posizioni organizzative dei diversi settori dell’amministrazione comunale per garantire un approccio sinergico e multidisciplinare nella programmazione dei fondi europei e la partecipazione ai bandi. L’ufficio Europa ha visto il supporto di una figura esterna di coordinamento in precedenza individuata nell’esperto Antonio Luglio e più recentemente nell’architetto Giuseppe Ippolito. L’incontro è servito per fare il punto sui progetti avviati o finanziati e sulle richieste di finanziamento ancora in corso. Oltre al sindaco e agli assessori hanno partecipato alla riunione i dirigenti Giuseppe Intilla, Giuseppe Tomasella, Giuseppe Dell’Utri, Angela Maria Polizzi, Diego Peruga ed i funzionari responsabili di posizione organizzativa Eduardo Garito e Giusi Lacagnina. Ammontano a oltre 56 milioni di euro i progetti già finanziati nel corso dell’attuale amministrazione. Tra quelli da finanziare numerosi sono riferiti ad un parco progetti in una fase avanzata d’istruttoria. 

La direzione II ufficio tecnico e lavori pubblici ha presentato nel periodo 2015/2019 richieste di finanziamento pari a circa 30 milioni di euro per 47 interventi. Ad oggi sono stati finanziati 21 interventi per un ammontare di 14 milioni e 700mila euro. Tra i progetti più ambiziosi in itinere il bando Urban Innovative action a gestione diretta dell’Unione Europea. Il progetto denominato Re-Center, per un importo complessivo di 6 milioni 200mila euro circa, ha superato il primo step ed è stato inserito tra quelli ammissibili. Prevede un processo innovativo di rigenerazione urbana, auto-imprenditorialità e recupero della vivibilità di piazze, strade e spazi aperti con il riutilizzo di edifici oggi degradati nei quartieri Provvidenza, San Domenico, San Rocco. Tra i progetti più recenti già finanziati vi sono l’efficientamento energetico in alcune scuole comunali per 800mila euro, l’adeguamento sismico della scuola Leonardo Sciascia per 750mila euro, l’efficientamento energetico dello stadio Tomaselli per un importo di 745mila euro. Vi sono poi il completamento del piano nobile di Palazzo Moncada per 600mila euro, la manutenzione degli impianti sportivi di via Rochester (pista pattinaggio), via Dalmazia e via Pavese per complessivi 300mila euro, la messa in sicurezza della miniera Trabonella, i lavori realizzati per il completamento dell’asilo nido di via Pasolini. Ammontano invece a 9milioni di euro i finanziamenti in favore del Comune di Caltanissetta con il bando per la riqualificazione delle periferie per il quartiere Santa Barbara. 

La direzione III urbanistica ha concluso nei mesi scorsi l’iter per il finanziamento di progetti per un ammontare di 22 milioni di euro a valere su Agenda urbana la cui strategia è stata già approvata dalla Regione Siciliana con il via libera all’istituzione dell’Autorità urbana di Enna-Caltanissetta che gestirà fondi e progetti per complessivi 38milioni di euro (22 per Caltanissetta, 16 per Enna). 

Ammontano invece a 12 milioni e 500 mila euro i finanziamenti conseguiti nell’ambito della solidarietà sociale a valere su fondi europei nell’ultimo biennio. Tra gli altri si annoverano 2 milioni e 100mila euro per il Piano azione e coesione “Anziani e Infanzia”, 3,2 milioni per la riprogrammazione del Piano di zona con interventi su disabili, lotta alla povertà, inclusione sociale, minori, famiglie e anziani. Sempre per la lotta alla povertà gli uffici dei servizi sociali hanno conseguito il finanziamento di 2,1 milioni di euro con il Pon inclusione a valere sul Fondo sociale europeo; 1,5 milioni per lo Sprar; 300mila euro con il Pon Governance; 500mila euro per le disabilità con il Fondo nazionale famiglie; 150mila euro del Pon inclusione per l’emergenza abitativa, 400mila euro per i Cantieri di servizi della Regione Siciliana; 500mila euro per l’implementazione del nuovo sistema integrato di educazione scolastica 0-6 anni; 850 mila euro per l’integrazione del Piano di zona vigente (L.328/200) e 500mila per la programmazione del nuovo Piano di zona. 50mila euro per la realizzazione del Centro famiglie a valere sul Fondo nazionale famiglie e 250mila euro per le politiche sociali del “Dopo di noi” in materia di disabilità.

“Grazie al lavoro dei dirigenti e di tutti i collaboratori, il Comune di Caltanissetta è riuscito a intercettare una mole notevole di finanziamenti europei – afferma il sindaco, Giovanni Ruvolo -. Ciò è stato possibile grazie all’abnegazione e al lavoro straordinario dei dipendenti comunali, dei funzionari e degli uffici che hanno dovuto lottare contro le carenze d’organico. Si rappresenta l’urgenza di un intervento normativo finalizzato a un piano di assunzioni negli Enti locali. A livello centrale si pretende dai Comuni la massima efficienza nell’utilizzo delle risorse comunitarie ma non si mettono gli enti nelle condizioni ottimali. Noi ci siamo riusciti ma non si possono sempre chiedere sforzi extra alla macchina amministrativa”.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: