“I Cento Pazzi” di e con Giovanni Guardiano in scena lunedì 12 marzo al Teatro Regina Margherita di Caltanissetta

CALTANISSETTA – Parlare di mafia con ironia e anche comicità per svelare, attraverso un delicato gioco di specchi, il volto più mostruoso della criminalità organizzata che ha fatto delle teatralità un’arma, specie nelle aule dei tribunali. Giocando sul sottile filo che separa il vero dal falso, Giovanni Guardiano porta in scena lunedì 12 marzo al Teatro Regina Margherita di Caltanissetta per la stagione firmata da Moni Ovadia e organizzata dal Comune in sinergia con Crodino e Caltaqua, “I Cento pazzi” di cui è anche autore e regista.

L’attore ragusano, recentemente rientrato nel cast de “Il Commissario Montalbano” nei panni del capo della scientifica Jacomuzzi, parte delle vicende del Maxiprocesso di Palermo, attingendo  dai documenti video autentici, spesso in forma di stralci della durata di pochi minuti,  pubblicati sul web, per mettere in evidenza come il vero tragico sconfini molte volte nel vero ridicolo, tanto da sembrare finzione, in un rimescolamento di piani e di ruoli che solo il gioco teatrale riesce a svelare.
Vero-falso, vero-verosimile, vero-teatrale. Giovanni Guardiano utilizza la comicità per raggiungere facilmente il pubblico e spingerlo verso la più seria delle riflessioni. E così il Maxiprocesso lo si rilegge per quel che è, grottesco: un processo in cui i “padrini” si arrampicano sugli specchi, e gesticolano come fossero pupi di teatro, nascondendosi, nelle aule di tribunale, dietro maschere con le quali sperano di celare la loro vera natura.
«Ho visto sul web le immagini del Maxiprocesso – spiega Guardiano – e ho visto quei padrini mafiosi che gesticolavano e si professavano innocenti. Citavano un destino e una ventura ingrata, questi capomafia, con lo sforzo enorme di sembrare diversi, credibili, bonari. Ma non ci riescono. Accesi rivoli incandescenti di minacce e cattiverie sbuffano in perenne conflitto tra il celare e l’essere».
Sul palcoscenico Giovanni Guardiano diventa così un moderno cantastorie, ricordando al pubblico che bisogna sempre parlare di mafia, per dissacrare ciò che viene immotivatamente ritenuto sacro, facendo attenzione a non trasformare i criminali in eroi.  E in quel luogo sacro che è il teatro, Guardiano riesce a fa cadere tutte le maschere degli improvvisati attori, mostrando il vero volto dei mafiosi alla sbarra per il Maxiprocesso.
I CENTO PAZZI

Di, con e regia Giovanni Guardiano

 

INFORMAZIONI

Inizio spettacoli ore 20.30 Botteghino: tel. 0934 547034, 0934 547599, 3668081037

Biglietti : da 20 a 8 euro,  possono essere acquistati con la Carta dei docenti e i bonus 18app

LA STAGIONE  2017/2018 continua con

Giovedì 19 aprile 2018
OCCIDENT EXPRESS

di Stefano Massini

Regia Daniele Lucchetti

Con Ottavia Piccolo e l’Orchestra Multietnica di Arezzo

 

Venerdì 20 aprile 2018
LA SCUOLA

di Domenico Starnone

Regia Daniele Lucchetti

Con Silvio Orlando e Vittoria Belvedere

Venerdì 4 maggio 2018
PEPPE BARRA

… e Cammina Cammina

 

Martedì 22 maggio 2018
LIOLA’

Spettacolo co-prodotto dal Teatro Regina Margherita di Caltanissetta con il Teatro Biondo
di Palermo e il Teatro Garibaldi di Enna

di  Luigi Pirandello

Regia e con Moni Ovadia e Mario Incudine
Domenica 27 maggio 2018
Prima nazionale
CARTE FALSE
Calogero Marrone, un eroe italiano

Monologo in un atto di Salvo Toscano.

Adattamento e regìa di Aldo Rapè e Rosario Petìx.

Con Rosario Petìx

 

 

 

Related posts

Loading...
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.