Ferrari, presentata la nuova SF90 di Vettel e Leclerc per il Mondiale 2019

Presentata la monoposto con cui Vettel e Leclerc scenderanno in pista nel Mondiale 2019: si chiama SF90. Rosso più intenso e molto “aggressiva”. Il presidente Elkann: “La Ferrari unisce un intero Paese”. Il team principal Binotto: “Orgoglioso di portare avanti sogno del Drake”. Qui tutte le caratteristiche della SF90

LE FOTO – SCHEDA TECNICA

VETTEL-LECLERC: TUTTO SUI PILOTI FERRARI

Rosso meno acceso rispetto alle tinte precedenti e migliore aerodinamica: si è presentata la livrea della nuova monoposto Ferrari SF90 svelata questa mattina a Maranello. Un ‘vestito’ nuovo per la prima Ferrari ‘firmata’ John Elkann e Mattia Binotto cucito su misura per adattarsi ai cambiamenti regolamentari sull’aerodinamica che semplificano il numero degli elementi. Una monoposto, dunque, più essenziale che rappresenta un’evoluzione rispetto alla vettura dello scorso anno. Per la nuova Ferrari c’è una serie negativa da interrompere: 11 anni senza un titolo mondiale, l’ultimo vinto nel 2007 con Kimi Raikkonen. Il primo banco di prova sarà a Melbourne il prossimo 17 marzo con il Gran Premio di Australia. La Rossa di Maranello dovrà affrontare avversarie ‘agguerrite’ prima fra tutte la temibile Mercedes W10 o la Red Bull-Honda. Durante la presentazione, particolarmente significative sono apparse le parole del presidente Elkann: “Essere Ferrari – con riferimento all’# social – rappresenta l’orgoglio di una squadra capace di unire un intero Paese”. non da meno quelle dell’amministarore delegato: “Orgoglioso di portare avanti il lavoro del Drake, Enzo Ferrari”. La SF90 sarà la monoposto di Sebastian Vettel e Charles Leclerc, apparsi molto emozionati durante l’unveiling.

Com’è fatta la nuova Ferrari?

Tinta rossa meno accesa, opaca, inserti neri e linee semplici, specialmente nell’ala anteriore per assecondare le nuove norme regolamentari sull’aerodinamica. Le novità della SF90 riguardano l’ala antariore più larga, e qualla posteriore più larga e alta. Passo più lungo e monoposto più “magra” nella parte posteriore. Il lavoro si è ovviamente concentrato sulla power unit, ma gli effetti del lavoro di tecnici e ingegneri lo scopriremo con certezza dai test di Barcellona e soprattutto a Malbourne per il via della stagione. (sport.sky.it)

Related posts

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: