Federciclismo Sicilia: presentata la divisa dopo gara delle rappresentative regionali

Cresce la visibilità della rappresentativa siciliana alle competizioni nazionali di ciclismo. Uno sguardo che viene apprezzato non solo per il talento dei giovani atleti ma anche per l’immagine coordinata messa in mostra dai ciclisti con le loro divise dopo gara.

Tonalità calde e brillanti che rievocano sia la bandiera siciliana sia la grinta e la determinazione che deve essere spesa per ogni singola pedalata. Le uniformi, composte da maglia, pantalone e berretto sono state sponsorizzate dalle ditte Cicli Fina e Multicar Gruppo Amarù. Una scelta dettata dalla passione ultradecennale dei titolari delle due aziende.

Rosario Fina e Riccardo Amarù, infatti, hanno un trascorso glorioso nel mondo del ciclismo e ben comprendono l’importanza del sostegno morale e materiale necessario a motivare le nuove generazioni.

Le divise dopo gara sono state consegnate ufficialmente alla Federazione Ciclismo Italiana Regione Sicilia nel corso dell’ultimo Consiglio Direttivo svolto a Caltanissetta alla presenza del presidente Diego Guardì, del vice presidente Calogero Rivituso, del presidente della struttura tecnica Ignazio Saia e dei consiglieri regionali Gaetano Mongada, Vincenzo Incognito e Giovanni Caminiti e della responsabile di segreteria Lorenza Glorioso.

Come previsto dal protocollo d’intesa firmato dal presidente nazionale FCI Renato Di Rocco questa divisa verrà utilizzata per il prossimo biennio dalle rappresentative del comitato regionale.

“Grazie a queste due imprese siciliane – ha concluso il presidente Guardì – i giovani campioni, potranno portare alti i colori della nostra terra. Un indumento che, per loro, ha il valore di un grande incoraggiamento. Gli ottimi risultati individuali raggiunti dai nostri sponsor sulle rispettive biciclette saranno considerati, dai nostri ragazzi, come un costante monito ad andare sempre oltre i propri limiti per raggiungere l’obiettivo”.

Related posts

Loading...
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.